La musica greca ha origini leggendarie, che risalgono ai poemi omerici; infatti sia nell’Iliade che nell’Odissea, molti canti erano accompagnati dalla danza ed eseguiti al suono della cetra. Inizialmente, la musica aveva due aspetti: la musica nazionale, serena e semplice, caratterizzata dal suono della lira e quella esotica, denominata musica dionisiaca dal suono del flauto, inneggiante l’ebrezza, l’esaltazione passionale ed orgiastica.
I primi ad essere rappresentati furono Terprando e Frinide di Lesbo, Timoteo di Mileto. In sequito la musica ebbe la funzione di accompagnamento alla lirica corale, di cui erano espressioni tipiche i prosodi (cori per processioni), gli embateri (canti marziali), gli epitalami (canti nuziali), i peana (inni di Apollo) ed i ditirambi (inni a Dioniso). Mentre le espressioni folkloristiche della musica greca si manifestarono nei giochi di Olimpia, di Delfi, di Atene e di Sparta.
La musica greca moderna si distingue, invece, in folkloristica e neo-ellenica. La prima, sotto l’influsso del cristianesimo e delle invasioni barbariche, si ispira alle gesta avventurose dei Bizantini ed al loro desiderio di libertà. Risente sia degli antichi elementi della musica ellenica che di formule orientali, utilizzando come strumenti la lira, il violino, il clarinetto ed il flauto. La musica neo-ellenica è l’espressione musicale più comune e va dalla caduta di Bizanzio nel 1453 all’istituzione del nuovo stato nel 1821. Uniche espressioni sono le canzoni popolari e le melopee liturgiche bizantine. Solo dopo il 1829 si hanno i primi contatti con il mondo occidentale. In sequito, la musica compie ulteriori e notevoli sviluppi rimanendo, però, spesso conforme allo stile, al ritmo e alla melodia di origine popolare e bizantina. I maggiori esponenti dell’ultimo secolo sono Kalomiris, che mostra influssi occidentali, Lavrangos, Chatzidàkis e Theodoràkis, artista di fama mondiale ed autore della colonna sonora del film “Zorbas il Greco” (1965).

La Grecia all’Eurovision Song Contest

La Grecia ha partecipato per la prima volta all’Eurovision Song Contest in occasione dell’edizione del 1974. A partire dagli anni 2000, il Paese ha collezionato tre terzi posti (2001, 2004 e 2008) e un primo posto, nel 2005. L’edizione del 2006 che si è svolta ad Atene è stata rappresentata dalla cantante greco-cipriota Anna Vissi, che ha difeso il paese ellenico arrivando in nona posizione nella serata finale.

Dal 2004 al 2011, la Grecia si è sempre classificata fra i primi 10 in classifica. Ha mancato la finale due volte, nel 2016 e nel 2018.

Essendo, oltre a Cipro, l’unico paese di lingua greca, in quasi tutte le edizioni la Grecia ha assegnato i 12 punti alla rappresentanza cipriota, che per altro ha quasi sempre fatto lo stesso nei confronti del paese ellenico, il quale ha spesso nominato cantanti ciprioti in propria rappresentanza, come Eleutheria Eleutheriou, Sarbel e la già citata Anna Vissi.

ARTISTI FAMOSI

Maria CallasMaria Callas
(New York, 1923 – Parigi, 1977)
Agnes BaltsaAgnes Baltsa
cantante lirica
Elena SouliotisElena Suliotis
soprano
VangelisVangelis
(Agria, 1943)
YanniYanni
(Kalamata, 1954)
Manos HadjidakisManos Hadjidakis
compositore
Mikis TheodorakisMikis Theodorakis
(Chio, 29/07/1925 – Atene 2/9/2021)
Georgos DalarasGeorgos Dalaras
Maria Farantouri
Despina VandiDespina Vandi
Demetrio Stratos
Nikos Scalcotas
Yannis Xenakis
compositore, architetto e ingegnere
(Braila, 1922 – Parigi, 2001)
Yannis Markopoulos
compositore

Nana Muscuri
Demis Roussos
Anna Vissi
Stelios Kazantzidis
Notis Sfakianakis
Giannis Parios
Triantafillos
Antique
Katerina Topazi
Giorgos Mazonakis
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.