Il Ministero dell’Energia di Cipro ha comunicato che le indagini nel pozzo “Cronos-1” sono stati completati con successo all’interno del Blocco 6 della Zona Economica Esclusiva della Repubblica di Cipro, dalla joint venture di Eni Cyprus Limited e TotalEnergies EP Cyprus B.V. Il risultato è la scoperta di uno dei maggiori giacimenti del Mediterraneo, che cambia sensibilmente sia il ruolo dell’isola che quello dei players coinvolti, nello scacchiere internazionale dopo le scoperte di Zohr e Nohr.

La perforazione, effettuata dalla nave “Tungsten Explorer” ad una profondità di 2.287 metri, ha dimostrato l’esistenza di una colonna di gas naturale puro di 260 metri. Sulla base delle prime analisi il giacimento scoperto presenta caratteristiche di qualità da buona a eccellente e presenta, secondo stime preliminari, una quantità totale di gas naturale di 2,5 trilioni di piedi cubi (Tcf).

Il Tungsten Explorer è ora passato all’obiettivo “Zeus-1”, per effettuare ricerche in un nuovo pozzo esplorativo nel Blocco 6 al fine di stimare con maggiore precisione le quantità di gas naturale in detto Blocco. Secondo il ministro dell’Energia di Cipro, Natasa Pileidou, si tratta di risultati fortemente incoraggianti.

“Questa esplorazione – ha affermato Kevin McLachlan, vicepresidente di TotalEnergies – è un’altra dimostrazione dell’impatto della nostra strategia di esplorazione che si concentra sulla scoperta di risorse a bassi costi tecnici e basse emissioni di carbonio per contribuire alla sicurezza energetica, inclusa la fornitura di ulteriori fonti di approvvigionamento di gas naturale all’Europa”.

(Foto: twitter)

@mondogreco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.