Nuovo Navtex emesso dal governo turco che ha di fatto “immobilizzato” il 50% del golfo di Antalya: la lave di ricerca Orus Reis rischia di aumentare la tensione nel Mediterraneo orientale per la realizzazione di nuove indagini a caccia di gas. La nave da ricerca turca è stata potenziata poiché la portata dei suoi cavi è quasi raddoppiata da 2,5 chilometri a 4.

Secondo il ministro turco dell’energia Fatih Donmez, dopo il completamento dei suoi lavori di modernizzazione, la nave verrà inviata nella sua nuova zona servizio: “La nave Oruc Reis operava da molto tempo nel Mediterraneo orientale. Lo abbiamo portato al porto di Filios per dei lavori di ammodernamento del software”. E ha aggiunto che la nave è in fase di conversione per poter eseguire rilievi sismici tridimensionali. Entro questo sarà operativa.

Nel frattempo la decisione degli Stati Uniti di revocare completamente l’embargo sulle armi imposto alla Repubblica di Cipro nel 1987 ha conseguenze positive per Cipro e la Grecia, soprattutto in riferimento al più ampio scacchiere geopolitico a cavallo tra due quadranti significativi come quello euromediterraneo e quello mediorientale in cui avranno giocoforza un ruolo diverso. 

(Foto Flickr)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.