Sullo scandalo intercettazioni che sta coinvolgendo il governo greco, i servizi segreti e il capo del Kinal, Nikos Andrulakis, è intervenuto il Presidente della Repubblica, Ekaterina Sakellaropoulou chiedendo legalità e trasparenza. 

“La tutela della riservatezza delle comunicazioni è una condizione fondamentale di una società democratica e liberale – ha osservato – . L’eccezione prevista dalla Costituzione per ragioni di sicurezza nazionale è legata alla necessità di proteggere il Paese in un contesto internazionale esigente che richiede vigilanza e difficili equilibri.

Essa deve, tuttavia, essere interpretata restrittivamente e la sua applicazione coerente con i principi dello Stato di diritto e di proporzionalità. Il rigoroso rispetto della legalità e la trasparenza dell’azione dello Stato non è solo una garanzia dei diritti individuali, ma l’indicatore più critico della qualità della nostra democrazia.

Sostiene la fiducia nel nostro contratto politico e la resilienza della nostra cultura. Richiede l’immediato e completo chiarimento del caso del monitoraggio telefonico, nonché la schermatura dell’operatività del Servizio di intelligence nazionale. Con autocontrollo e aderenza alle procedure e istituzioni parlamentari.

Il rispetto e la difesa della democrazia trascende i partiti e le fazioni, le persone e le posizioni. È il dovere più alto di tutti noi verso il popolo greco” ha concluso. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.